Puoi arrivare da qualsiasi parte, nello spazio e nel tempo, dovunque tu desideri.

lunedì 13 giugno 2016

Scelte

Facciamo scelte, le facciamo per paura, per disperazione, per salvarci, forse le facciamo e basta, nemmeno sappiamo perché.
Poi un giorno, dietro l'angolo i se e i ma che sebbene portano alla casa del mai, ci mandano in crisi .
Ecco io sono in crisi.
Una parte di me ha paura. Una parte di me teme il domani, l'amore, addirittura se stessa.
Aria. Manca l'aria nei miei polmoni.
Ci vorrebbe il mare,
o forse semplicemente uno straccio di sicurezza.

6 commenti:

Apprendista Nocchiero ha detto...

La vita stessa è una scelta. Ogni respiro è una scelta.
Rendersi conto di ciò può pesare, certo.

Non puoi fare altro che continuare a scegliere, usando per metà la ragione e per metà il cuore.

Oppure, certo, potresti non scegliere: è anche quella una scelta

The Cunnilinguist ha detto...

Come diceva Han in "Fast & Furious - Tokio drift":
la vita è semplice, bisogna scegliere senza mai voltarsi.

Non è sempre semplice ma...funziona :-)

Nina ha detto...

Non voltarsi dipende molto dalla scelta in che modo viene fatta, purtroppo.

annalisa silingardi ha detto...

VUOL DIRE SEMPLICEMENTE GUARDARE SEMPRE AVANTI.
NON SERVE A NIENTE VOLTARSI INDIETRO E PIANGERE SULLE SCELTE SBAGLIATE.
SE SBAGLI CAMBIA DIREZIONE. TUTTI FACCIAMO SCELTE SBAGLIATE E NON E' DETTO CHE FAREMO MAI SCELTE GIUSTE. C'è CHI HA FORTUNA, MA NON SA COGLIERE, C'è CHI HA SFORTUNA, MA FA SCELTE CHE RIEMPIONO LA SUA VITA DI SIGNIFICATI CHE GLI FANNO BENE.

Patalice ha detto...

ma, permettimelo, meno male che c'è la paura!
con la sua prepotenza che alle volte ci coglie di sorpresa e ci fa male dentro, e alle volte è veramente l'unica cosa che possa aiutarci a salvarci...

carlo Klimt ha detto...

Ciao Nina! Scusa il ritardo con il quale scopro la tua scrittura e i tuoi pensieri. Esco da un periodo caotico e finalmente ritrovo la mia scrittura, il mio blog e soprattutto, la condivisione con anime affini. Volevo ringraziarti intanto per esserti affacciata sul mio"mare" http://curiosidelmare.blogspot.com.
Buona giornata e un caro saluto.
CarloCi vorrebbe il mare Cara Nina. Tu lo sai come fa il mare? Ti mette in discussione, ti sfida, fa tremare dalle fondamenta ogni tua certezza o precedente convinzione con cui pensavi di affontare la Vita. Il mare é lì. Che ti aspetta da sempre.Tu non lo sapevi prima... semplicemente lui era lí che ti aspettava.
Prova a immaginare il teatro di questo incontro. Tu ad una certa curva della tua Vita lo vedi... te lo trovi davanti. Immenso come le mille domande che allevi da anni dentro di te...
Il mare é di per se stesso una domanda.Ed é anche la risposta.
Lui é lí da sempre ad aspettarti.
E prova a sentire come ti senti davanti a quella infinita distesa di eventalitá, di potenzialitá, di interrogativi... Ci sei? Lo immagini come ti senti?
Indifesa.Nuda.Piccola come un granello di sabbia... ma pronta a farti invadere da quella potenza maestosa.
Il mare ha mille sinonimi.Puoi chiamarlo Infinito.Puoi chiamarlo dubbio. Puoi chiamarlo DOMANDA.
E infine puoi chiamarlo Crisi.La tua...esattamente. Ma stai sicura che prima o poi l'incontri quel TUO mare. Da lì in poi nascono cose. Nascono strade. Sí.. perfino nel mare ci sono strade. Le puoi trovare se hai il coraggio di non temere il TUO Mare. É quello che é capitato pure a me. E da quel giorno che non ho avuto paura... sono diventato "curioso" del mio mare interiore. Ho cominciato a imparare le sue strade e le mie rotte. É un viaggio. Il più bello che esista al mondo e nella propria vita. E meno ne hai paura e più il viaggio che farai sará intenso e pieno di meraviglia. E' quello che ti auguro. E' il mio augurio, Nina.
Un grande abbraccio. Carlo.